Articles

À l'inchjostru di i to ochji

Postu ch'ùn seremu mai inseme noi
chì simu soli è scemi è l'altri numerosi daretu à a murale stanu ascosi ti vuleria dì
tuttu ciò ch'aghju scrittu l'aghju scrittu à l'inchjostru di i to ochji
Ùn avia micca vistu e to catene à lume di u to sguardu mi scurdava d'e meie sunniavamu d'amore è di libertà ti vuleria dì
tuttu ciò ch'aghju scrittu
hè u to surrisu chì u m'hà dittatu
Venerai aspessu à truvammi in sognu venerai sempre da duve si alza lu sole è si per casu mi scurdessi di tè ti vuleria dì
tuttu ciò ch'aghju scrittu averà un tempu u muscu di u rimpientu.

28/11/19

A l'encre de tes yeux
(Paroles Francis Cabrel)

https://www.youtube.com/watch?v=82g1GtNeNT0

Alzi amari

À Lucia è Maria cun tuttu u mo affettu...
Ti guardu, ùn sai sempre cosa vogliu, quale sò ùn hè indifferenza o scutumia a sò tu dicissi u mo nome quantu mi feria prò...
è quella vechja fola  tante volte cuntata nantu à u chjassu d'a scola l'averai sminticata
cum'è frasca chì vola da u ventu purtata.

U filu d'a to memoria
induve si serà persu
saperà a mo storia
puntu in l'universu
è ch'avemu campatu
sott'à listessu tettu

chì a mane andava
sinu à l'ortu incantatu
duve c'era una fata
un ruspu namuratu...
di 'ssu tempu qualcosa
forse ti serà firmatu ?

Pocu impremenu l'ore
a corsa di u tempu
si tù mi sì accantu
ùn sapendula mancu
u pientu mi strangola
è mi chjami "madama"
cum'è s'era una strana
eiu a to figliola.

Ùn serà colpa toia
ùn serà colpa meia
s'hè svanita la gioia
hè a vita chì sceglie
ma tengu una certezza
più chè una furtezza
per 'ssa vita d'avà
è dopu in l'aldilà

nunda sguasserà
u m'amore per tè
a t…

Lettera à mamma

Image
Cara mamma ti scrivu d'un scornu di trincea pè datti una nutizia chì ùn pò aspettà
a guerra hè finita, hà vintu lu sperà
di a pace ritrova sentu la melupea

Cusì dolce à l'arechja quant'hè bella l'idea
di sapè chì dumane a to casa serà
piena di gioia è risa di ciucci à basgià
vechja sperenza chì hè sempre stata mea

È chì 'ssa letteruccia accendi un surrisu
nantu à u più caru è u più bellu visu
chì m'hà tantu mancatu ma ùn la ti dicia

U sangue è e bombe eranu u mo cutidianu
m'era quasi scurdatu ch'ellu c'era un veranu
è mortu ogni ghjornu, un amicu ghjacia.

11/11/18


Lamentu di a pecura

Image
Quand'ellu hà persu a so banda hè l'usu è cusì face pastore s'arricumanda
da pudè truvà a pace scrivendu qualchi lamentu ch'à ognunu arreca u pientu.
Ma aspessu pò accade
ch'ellu morga lu pastore
tandu e bestie addisperate
contanu lu so maloriu
di u querciu pecuraghju
eccu lu tristu viaghju…

"Sò disgraziata pecura senza più lu pecuraghju quella rubusta ancura di legnu più chè d'acciaghju
cun radiche da basgià
u core vivu di Gaià*.

Ùn purtava barba bianca
nemmancu callu pilone
cum'è omu brama a panca
quand'eranu i sulleoni
eiu bramava a friscura
ch'ellu dava l'alburone.

Luni ghjornu maladettu
timpestosu fubbe u ventu
sradicò casa è tettu
è ingrussò la surgente
da ringuarscià lu gigante
abbastò solu un instante.

N'averà vistu fiumare
ventere è nivaghjoni
stonde dolce è stonde amare
crisciutu cun e stagioni
mai hà chjinatu u spinu
maghju fieru è alpinu.

Un ghjornu tuttu smarrisce
ancu u più bellu frundame
tengu in core una venice
culore d…

Veni,veni

Image
Veni, veni senti a mo preghera  veni, veni micca per me o bà veni, veni riveni per mamma veni, veni more senza tè veni, veni trista hè a mo stanza veni, veni senza tè l'esistenza veni, veni hè un longu silenziu veni, veni chì ùn finisce più
Ié a sò ch'ella hè bella 'ssa zitella ti scordi d'a to famiglia per ella ùn ti vogliu micca ghjudicà aiò veni o bà ! Dicenu chi u s'amore t'abbrama chì ne faci di quellu d'a mo mamma ch'hà sempre spartutu u to viaghju senza cappiatti a manu
Veni, veni di settembre mamma veni, veni hà pintu a camara veni, veni duve e notte à vene veni, veni durmerete inseme
veni, veni senti a mo preghera
veni, veni micca per me o bà
veni, veni riveni per mamma
veni, veni more senza tè

A sai chì Ghjuvanni và à a scola
sà digià u santacroce una fola
quandu face viziu di fumà
hè propiu u so babbà
veni, veni senti a mo preghera
veni, veni surridi u mo babbu
veni, veni, à mamma viderai
veni, veni, più bella chè mai
chè mai, chè mai, chè m…

Cantu per tè

Image
Cantu per tè o paisanu oghje è ancu di più dumane
 chì m'ai datu duie legne a mo rusta s'avia da spegne chì m'ai datu u focu quandu i furesteri è tutti quanti tagliendu prestu à l'accorta m'avianu chjosu a porta ùn era ch'appena di focu ma m'hà riscallatu lu corpu è u sentu sempre piccià cum'un focu di San Ghjuvà è quandu tù ti n'anderai ch'in cele quassù cullerai ch'ellu ti porti 'ssu puemu
à u Patre eternu.

Cantu per tè o paisana
oghje è ancu di più dumane
ch'ai spartutu lu to pane
cun me quandu patia a fame
ch'ai apertu a to maria quandu
i furesteri è tutti quanti
unu più chè l'altru suturnu
ridianu di u mo dighjunu
ùn era ch'appena di pane
ma m'hà riscallatu lu corpu
è in core à me piccia tale
un gran ripastu di Natale
è quandu tù ti n'anderai
ch'in cele quassù cullerai
ch'ellu ti porti 'ssu puemu
à u Patre eternu.

Cantu per tè o paisanu
oghje è ancu di più dumane
chì m'ai offertu u to surrisu

U desertu

Image
Quandu u Beduinu chì và d'Horeb in Siria affuna à a palma a cavalla smagrita è sott'à a polvera duve secca u fruttu in u mantellu rozu s'addurmenta sicuru viderà torna, da rompe 'ssa fatica l'oasi luntana duve matura a fica a valle ristretta, casa di a so tribù è l'acqua fresca ch'e so labbre anu betu ? i boi di u presepiu, e pecure ch'imbelanu, accantu à e cisterne e donne chì rifiatanu o calati nantu à a rena i camellieri in tondu chì à lucendiluna ascoltanu un racontu ? Innò, aldilà di a corsa scema di e sfiere voca a so alma in paese di e chimere. Sogna chì Al-Borak, cavallu rinumatu u colla in altu cele à galoppu serratu; trema, li si par di vede e notte infiarate e donne di Djennet, vicinu, incantate. D'i so capelli negri ancu più chè l'Infernu s'alza un aspru prufumu chì li brusgia a carne; mughja, vole stringhje annantu à u so core trà i so bracci tesi 'ssa visione d'amore. Ma in cima di a duna u sciaccallu hà stridatu
a cav…