Cantu per tè

Cantu per tè o paisanu
oghje è ancu di più dumane
 chì m'ai datu duie legne
a mo rusta s'avia da spegne
chì m'ai datu u focu quandu
i furesteri è tutti quanti
tagliendu prestu à l'accorta
m'avianu chjosu a porta
ùn era ch'appena di focu
ma m'hà riscallatu lu corpu
è u sentu sempre piccià
cum'un focu di San Ghjuvà
è quandu tù ti n'anderai
ch'in cele quassù cullerai
ch'ellu ti porti 'ssu puemu
à u Patre eternu.

Cantu per tè o paisana
oghje è ancu di più dumane
ch'ai spartutu lu to pane
cun me quandu patia a fame
ch'ai apertu a to maria quandu
i furesteri è tutti quanti
unu più chè l'altru suturnu
ridianu di u mo dighjunu
ùn era ch'appena di pane
ma m'hà riscallatu lu corpu
è in core à me piccia tale
un gran ripastu di Natale
è quandu tù ti n'anderai
ch'in cele quassù cullerai
ch'ellu ti porti 'ssu puemu
à u Patre eternu.

Cantu per tè o paisanu
oghje è ancu di più dumane
chì m'ai offertu u to surrisu
mentre m'inghjuliava ogni visu
ch'ùn ai applauditu quandu
i furesteri è tutti quanti
quandu u gendarme m'hà pigliatu
anu risu inseme è ciarlatu
ùn era ch'appena di mele
ma m'hà riscallatu lu corpu
è in core à me piccia sempre
cum'è candele mai spente
è quandu tù ti n'anderai
ch'in cele quassù cullerai
ch'ellu ti porti 'ssu puemu
à u Patre eternu.

05/11/18



D'appressu à Chanson pour l'Auvergnat di Georges Brassens.



Commentaires

Posts les plus consultés de ce blog

Ricordu

Canzona per Lella

I mulini di u mo core