vendredi 9 novembre 2018

Lamentu di a pecura

Quand'ellu hà persu a so banda
hè l'usu è cusì face
pastore s'arricumanda
da pudè truvà a pace
scrivendu qualchi lamentu
ch'à ognunu arreca u pientu.

Ma aspessu pò accade
ch'ellu morga lu pastore
tandu e bestie addisperate
contanu lu so maloriu
di u querciu pecuraghju
eccu lu tristu viaghju…


"Sò disgraziata pecura
senza più lu pecuraghju
quella rubusta ancura
di legnu più chè d'acciaghju
cun radiche da basgià
u core vivu di Gaià*.

Ùn purtava barba bianca
nemmancu callu pilone
cum'è omu brama a panca
quand'eranu i sulleoni
eiu bramava a friscura
ch'ellu dava l'alburone.

Luni ghjornu maladettu
timpestosu fubbe u ventu
sradicò casa è tettu
è ingrussò la surgente
da ringuarscià lu gigante
abbastò solu un instante.

N'averà vistu fiumare
ventere è nivaghjoni
stonde dolce è stonde amare
crisciutu cun e stagioni
mai hà chjinatu u spinu
maghju fieru è alpinu.

Un ghjornu tuttu smarrisce
ancu u più bellu frundame
tengu in core una venice
culore di verde rame
culore d'a puesia
ch'à l'arechja mi dicia.

Addiu caru guardianu
manchi à la pecurella
sott'a to immensa palma
cun ogni meia surella
ùn temiamu a calmana
è nuvembre era veranu.

Ùn hè colpa di nisunu
solu d'a cattiva sorte
di u destinu suturnu
ch'à a gioia hà chjosu e porte
è di quellu uraganu
u spietatu Adrianu".**

08/11/18




*Gaià : a Terra (parulla greca)
** Adrianu : nome datu à a timpesta murtale di u 29 d'ottobre chì hà fattu danni maiò in Corsica.

U querciu mintuatu quindi era in Aleria.Sottu à e so fronde, dipoi tante stagioni e pecure avianu trovu un agrottu.
Fotograffia ; Corse-Matin piaghja urientale.








Aucun commentaire:

Enregistrer un commentaire

Un mezu pane è un libru

« Quandu qualchissia và à u teatru o à un cuncertu o à una festa qual’ella sia, sì u spettaculu li piace, parla subitu di quelli di a so f...